Passa ai contenuti principali

Frittata di ortiche

 Una raffinatezza che nasce da un classico cibo di sussistenza: la frittata alle ortiche, un piatto leggero, gustoso e sano! 


Eccomi tornare per un nuovo appuntamento con la rubrica Light & Tasty che vi propone come sempre, ricette leggere ma comunque gustose. Oggi √® protagonista la primavera, con i suoi colori. ūüé®
E' iniziata finalmente la bella stagione, la natura √® rifiorita in tutto il suo splendore e per l'occasione, ho realizzato una frittata di ortiche semplice e veloce che √® una vera delizia per il palato! ūüėč
L'ortica √® un'erba diffusa in tutta l'Europa ed √® comunemente disprezzata, in quanto √® ritenuta una pianta piuttosto inutile e anche infestante. Proprio per queste caratteristiche nasce il detto "gettare tutto alle ortiche", hanno propriet√† urticanti e per questo, la raccolta che dovrebbe avvenire proprio in questo periodo, ovvero in primavera e non oltre l'inizio dell'estate, deve essere fatta con attenzione e usando dei guanti protettivi. Le foglie raccolte devono essere solo quelle in cima, le pi√Ļ tenere che una volta lavate e sbollentate perdono il loro potere urticante.
La ricetta della frittata di ortiche ha origini lombarde e piemontesi ed √® un piatto povero della cucina contadina. 

FRITTATA DI ORTICHE 
per 1 persona 

Un bel mazzetto di ortiche
(solo le foglie giovani, ovvero il primo ciuffetto in superficie) 
1-2 uova 
un cucchiaio di formaggio grana grattugiato 
un goccio di olio evo
una spolverata di aglio in polvere a piacere  
Sale un pizzico 
  1. Sia per la raccolta che per pulire le ortiche, usate dei guanti di lattice per proteggervi le mani. Eliminate eventuali steli e conservate solo le foglie. Mettete a bagno in acqua fredda e lavatele accuratamente. Scolatele con un colapasta. 
  2. A questo punto, trasferite le foglie in pentola con acqua salata e fate bollire per 10-12 minuti circa. 
  3. Scolatele sempre nel colapasta, schiacciandole leggermente con la forchetta, eliminando l'acqua rimasta. 
  4. Rompete le uova in una terrina a sponde un poco alte, aggiungete il formaggio grana grattugiato, aggiustate di sale e pepe a piacere, aggiungete le ortiche e frullate il tutto con il mixer. 
  5. Fate scaldare un filo d'olio extra vergine in una padella antiaderente, l'aglio se lo gradite e versate il composto. Fate cuocere, fino a che la frittata non √® ben colorita. 
  6. Servite con qualche fiocco di grana a piacere. 
Un piatto rustico e tradizionale che naturalmente pu√≤ essere arricchito in molti modi. Una ricetta versatile con un ingrediente a costo zero che vi permetter√† di portare in tavola i sapori di un tempo passato. 




Ora vi lascio curiosare tra le ricette del team: 

Un abbraccio 
Cinzia 



Commenti

  1. Ottima la frittata con le ortiche un vero piatto povero, ma pieno di sapore.
    Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  2. Una frittata squisita. Adoro questi piatti della cucina povera, ma ricchissimi di gusto :) Un abbraccio e tanti auguri di Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  3. Mi ricorda la mia nonna questa frittata, che buona!!!

    RispondiElimina
  4. Le ortiche sono magiche, riescono a colorare come solo loro sanno fare... ottima idea!

    RispondiElimina
  5. Confesso che non ho mai cucinato le ortiche, qui a casa mia non c'è mai stata la tradizione, ma sono molto tentata! Una semplice frittata è la rcicetta giusta con cui iniziare!
    Buona Pasqua Cinzia!

    RispondiElimina
  6. Vengo a trovarvi dal blog di Daniela e trovo una frittata di verdure. Non l'ho mai provato e lo farò presto, so che l'infusione di antiga fa crescere i capelli delle persone che lo stanno perdendo.
    Baci da siempreseraprimavera.blogspot.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..

Post popolari in questo blog

Liquore al pino cembro o cirmolo

Eccomi con una ricetta valdostana forse meno conosciuta del genepy , che trovate qui , ma altrettanto apprezzata: il liquore al pino cembro.  Il pino cembro o cirmolo (pinus cembra) √® un albero sempreverde che vive sulle Alpi, originario dell'Europa centrale e diffuso in parecchie zone della Valle d'Aosta, dell'Alto Adige e nelle valli cuneesi e torinesi. E' una specie longeva e pu√≤ raggiungere i 25-30 metri di altezza, anche se solitamente non supera i 15 metri.

Straccetti di pollo al forno

Cinzia ai fornelli / STRACCETTI DI POLLO AL FORNO  Eccomi con una ricetta sfiziosa e sempre apprezzata da grandi e piccini... Soprattutto i bambini adorano questi straccetti di pollo o tacchino a piacere, semplicemente aromatizzati con pane grattato, formaggio grana, origano e altre erbe aromatiche se volete, il tutto ben amalgamato per un impanatura sfiziosa e resa leggera dalla cottura in forno. La carne rester√† croccante fuori e morbidissima dentro. Una vera delizia da preparare per pranzo o per cena, una ricetta facile e veloce.  Straccetti di pollo al forno: per 4-5 persone un petto di pollo a fette, poi tagliato a strisce sottili 3 cucchiai di pane grattato 3 cucchiai di grana grattugiato sale  origano secco o fresco tritato(e altre aromatiche a piacere se vi piacciono come rosmarino, salvia, timo fresche o secche, finemente tritate) 1-2 uova leggermente sbattute  un goccio d'olio di oliva (3 cucchiai circa)  Straccetti di pollo o tacchino al f

Detersivo lavastoviglie col Bimby

Eccomi tornare dopo parecchi giorni di latitanza e decisamente con una ricetta insolita ma utile e soprattutto molto economica. Salva spesa se vogliamo e di questi tempi non √® affatto male. Economia a parte, direi che √® una buona soluzione anche a livello ambientale. Ho testato il detersivo lavastoviglie homemade per qualche giorno prima di proporvi la ricetta, perch√© volevo vedere come funzionava e vi assicuro che lava bene. L'ho provato sia con lavaggio normale che con il lavaggio intensivo, non l'ho provato con il lavaggio eco, semplicemente perch√© con questo detersivo lavastoviglie preparato col Bimby/Thermomix √® consigliato l'uso di acqua molto calda. Ho trovato questa ricetta nei miei vecchi appunti di cucina, quando avevo comprato il Bimby TM31, ricordo che la signora che si occup√≤ della vendita mi pass√≤ parecchie ricette che non facevano riferimento ad alcun libro.