Passa ai contenuti principali

Castagnole col Bimby al Marsala


Eccomi tornare con una ricetta adatta ai prossimi giorni di festa. Carnevale è alle porte e quest'anno è decisamente in anticipo rispetto agli anni precedenti. 
Non so voi, ma io adoro dedicarmi ai fritti in questo periodo... Mi ricorda la mia infanzia, quando a preparare chiacchiere, bugie, frappe, cenci, tortelli dolci e castagnole erano le mie zie, le sorelle di mio padre.  La mia nonna materna invece si faceva sempre aiutare da mio nonno e insieme preparavano vassoi di bugie (chiacchiere/frappe/cenci/crostoli... tanti nomi ma sostanzialmente sono la stessa cosa)  che noi nipoti ci gustavamo la domenica quando andavamo da loro, per il solito pranzo domenicale che era più simile ad un pranzo di nozze in verità, ed era sempre così. Quanti bei ricordi conserviamo noi nipoti e ovviamente non parlo solo riguardo al cibo.. Certo è che da questo punto di vista siamo stati molto fortunati ad avere una nonna cuoca..  Altro che dieta con la nonna!!!... Non esisteva proprio.. 
Purtroppo non ho avuto la fortuna di conoscere la nonna paterna, e me ne dispiace perché da come me ne hanno sempre parlato, era una gran donna, saggia e giusta.
 Perdonatemi, come al solito mi perdo in chiacchiere invece di parlarvi delle castagnole al Marsala che sono a dire poco: favolose!!...
 In generale, queste deliziose frittelle sono diffuse soprattutto in Emilia Romagna e in Lazio ma sono note in tutto il territorio italiano. Le origini delle castagnole in ogni modo, non sono molto chiare, ma si pensa che il nome "castagnole" sia proprio dovuto alla forma che rende queste piccole frittelle simili alle castagne che finiscono la loro stagione proprio poco prima del Carnevale. 
L'aggiunta del Marsala secco fa di questi dolcetti fritti, dei finger food semplicemente fantastici!.. Una castagnola tira l'altra letteralmente. 
CASTAGNOLE COL BIMBY/THERMOMIX AL MARSALA 
per 8-10 persone 

470 gr di farina bianca 00
100 gr di farina di kamut 
(potete in alternativa, se non avete la farina di Kamut, usare solo farina 00)
3 uova intere
la scorza grattugiata di un limone (possibilmente) bio 
150 gr di zucchero semolato 
100 gr di burro tagliato a fettine piuttosto sottili
una bustina di lievito per dolci 
70 gr di Marsala secco 
un pizzico di sale 

olio di arachide per friggere
zucchero a velo per finire 

Se non avete la farina di Kamut potete ometterla, usando semplicemente 570 gr di farina bianca 00

  1. Per prima cosa grattugiate la scorza del limone, oppure mettete direttamente nel boccale la scorza del limone (senza la parte bianca) e lo zucchero e polverizzare: 15 secondi, Velocità 10. Riunire sul fondo con la spatola.
  2. Aggiungere nel boccale, la farina, il burro a fettine piuttosto sottili, il lievito, le uova, un pizzico di sale e il Marsala secco. Impastate a Velocità Spiga per 2 minuti. L'impasto dovrebbe risultare ancora piuttosto morbido, toglietelo dal boccale, infarinandovi le mani e il piano di lavoro. 
  3. Dividete l'impasto in 6 parti. Rotolate ciascun pezzo con le mani, sulla spianatoia, formando dei lunghi salamini. Tagliateli a tocchetti di circa 2 cm di lunghezza e poi arrotolate ciascun pezzo, formando delle palline. (Come vedete nelle foto sotto) 
  4. Scaldate abbondante olio in una padella a sponde un poco alte e friggete le castagnole. Poche alla volta e per circa 2-3 minuti, girandole prima da un lato e poi dall'altro. 
  5. Sgocciolatele su carta assorbente da cucina e poi spolverizzatele con zucchero a velo. 
  • Si mantengono per 2-3 giorni chiusi in una scatola di latta oppure in un altro contenitore purché sia chiuso. 



Procedimento senza Bimby/Thermomix...
  • Disponete la farina a fontana sulla spianatoia. Formate un cratere, aggiungete le uova sgusciate al centro. Unite il burro morbido a pezzetti, lo zucchero, la scorza del limone grattugiata, un pizzico di sale e il Marsala e lavorate l'impasto con una forchetta, amalgamandolo, a poco a poco. Poi lavorate con le mani l'impasto, fino ad ottenere un impasto morbido e liscio e formate la classica palla. 
  • A questo punto dividete l'impasto in 6 parti. Rotolate ciascun pezzo con le mani, sulla spianatoia, formando dei lunghi salamini. Tagliateli a tocchetti di circa 2 cm di lunghezza e poi arrotolate ciascun pezzo, formando delle palline. (Come vedete nelle foto sotto)
  • Scaldate abbondante olio in una padella a sponde un poco alte e friggete le castagnole. Poche alla volta e per circa 2-3 minuti, girandole prima da un lato e poi dall'altro. Sgocciolatele su carta assorbente da cucina e poi spolverizzatele con zucchero a velo. 
  • Se l'impasto dovesse risultare troppo asciutto, aggiungete un goccio di latte!


Un abbraccio
a presto,
Cinzia 

Commenti

  1. Oooh delizia per gli occhi e la gola!
    Ma anche questa scatola di latta mi attira assai...
    Buona giornata Cinzia, qui fiocca alla grande.
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow!!!! Quanto vorrei un pò di neve anche qui... Bella vero la scatola?... Comprata da Fiorenza a Gressoney S Jean, ha un sacco di cose belle!!! E io non resisto mai alle scatole di latta... Ogni anno, d'estate almeno 2 o 3 me le compro :-) Un abbraccio grande Susanna :-)

      Elimina
  2. Quanto mi ispirano queste castagnole... io le ho fatte in passato con la ricotta nell'impasto ed ero rimasta un po' delusa dal fatto che rimanessero mollicce all'interno. La tua versione mi sembra perfetta. Ricetta segnata!
    A presto.

    RispondiElimina
  3. anche mia nonna preparava dei dolcetti di carnevale come nessun altro tanto erano buoni, altri tempi, quanto mi manca!!!!!!Ottime le tue castagnole, me le segno!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  4. Che bei dolcetti, Cinzia, allungherei volentieri le mani... sì sono nella casa nuova in un caos totale, dal quale non riesco a riemergere, ma resisto! Un bacione a presto :)

    RispondiElimina
  5. le tue foto sanno sempre di..."casa" , di montagna!! Mi immagino con te a cucinare sotto la neve!!! Bravissima!!! Un bacione

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..

Post popolari in questo blog

Liquore al pino cembro o cirmolo

Eccomi con una ricetta valdostana forse meno conosciuta del genepy , che trovate qui , ma altrettanto apprezzata: il liquore al pino cembro.  Il pino cembro o cirmolo (pinus cembra) è un albero sempreverde che vive sulle Alpi, originario dell'Europa centrale e diffuso in parecchie zone della Valle d'Aosta, dell'Alto Adige e nelle valli cuneesi e torinesi. E' una specie longeva e può raggiungere i 25-30 metri di altezza, anche se solitamente non supera i 15 metri.

Straccetti di pollo al forno

Cinzia ai fornelli / STRACCETTI DI POLLO AL FORNO  Eccomi con una ricetta sfiziosa e sempre apprezzata da grandi e piccini... Soprattutto i bambini adorano questi straccetti di pollo o tacchino a piacere, semplicemente aromatizzati con pane grattato, formaggio grana, origano e altre erbe aromatiche se volete, il tutto ben amalgamato per un impanatura sfiziosa e resa leggera dalla cottura in forno. La carne resterà croccante fuori e morbidissima dentro. Una vera delizia da preparare per pranzo o per cena, una ricetta facile e veloce.  Straccetti di pollo al forno: per 4-5 persone un petto di pollo a fette, poi tagliato a strisce sottili 3 cucchiai di pane grattato 3 cucchiai di grana grattugiato sale  origano secco o fresco tritato(e altre aromatiche a piacere se vi piacciono come rosmarino, salvia, timo fresche o secche, finemente tritate) 1-2 uova leggermente sbattute  un goccio d'olio di oliva (3 cucchiai circa)  Straccetti di pollo o tacchino al f

Focacce alle olive col Bimby e senza

  Focacce alle olive morbide e sfiziose, l'ideale per una buona merenda o per uno spuntino salato. L'impasto preparato per il pane è una semplice base che, lavorata e condita, può essere utilizzata per preparare gustose focacce. I condimenti vengono incorporati all'impasto per alcuni tipi di focaccia, mentre più spesso sono distribuiti sulla superficie della pasta distesa prima di procedere alla cottura.