martedì 10 settembre 2013

Cake con patate dolci e amaretto

L'idea di preparare questo dolce arriva dalla richiesta di un'amica virtuale, che mi ha chiesto qualche ricetta con le patate dolci, che comunemente chiamiamo patate americane.
Una piccola premessa sulle patate americane, tipiche delle Americhe, dove la coltivazione era già praticata 5000 anni fa. Dopo la colonizzazione, la coltivazione si diffuse poi in Europa, in Asia e in Cina. In Italia la patata fu introdotta dai Carmelitani scalzi, ma non fu subito apprezzata, non la mangiavano perché si pensava fosse fonte di terribili malattie, e anche quando approdò in Toscana, fu più come curiosità botanica che altro. Solo molto più tardi venne apprezzata per la sua bontà. 
Attualmente le patate americane sono coltivate e diffuse in speciale modo in Veneto, in Puglia, in Lazio e in Sicilia. 

La ricetta più semplice e più diffusa per mangiare le patate americane è mangiarla lessa, oppure tagliata a fette, messa in forno con un goccio d'olio, una spolverata di cannella e un poco di zucchero di canna, che meglio si lega alla patata, già dolce di suo.

Ma eccovi invece la semplice ricetta, che sembra un  cheesecake, con la sola differenza, che non c'è formaggio nell'impasto, ma patate dolci frullate. 


Ricetta per cake con patate dolci e liquore all'amaretto:

Per la base cake:
200 gr di biscotti Digestive (io McVities Digestive classici) 
70 gr di burro sciolto
un cucchiaio di zucchero di canna
un cucchiaio di cioccolato amaro in polvere 

Per farcire:
400 gr di patate dolci pelate e lessate
2 uova intere
110 gr di zucchero di canna
mezzo cucchiaino di cannella
una spolverata di noce moscata 
1 cucchiaio di succo di limone
3 cucchiai di liquore all'amaretto


Pelate le patate, tagliatele a pezzi e fatele lessare in acqua. 

Quando le patate saranno morbide, toccandole con una forchetta, spegnete e scolatele e lasciatele raffreddare un poco.

Nel frattempo, frullate i biscotti digestive, metteteli in una ciotola e unite: zucchero, cacao e il burro sciolto e amalgamate bene il tutto. 

Prendete una tortiera a cerchio apribile, meglio se foderata con carta forno e versate il trito di biscotti, pigiando e livellando il tutto. Una volta pronto, mettete la tortiera in frigorifero per una ventina di minuti.

Nel frattempo, preparate la farcia, e accendete il forno a 170°.  Frullate le patate lesse, con l'aggiunta dello zucchero di canna, delle 2 uova intere, del succo di limone, del liquore all'amaretto, e delle spezie (cannella e noce moscata). Otterrete un composto piuttosto liquido che andrete a versare sulla base di biscotto. Livellate.

Infornate in forno già caldo per 45-50 minuti a 180°. (Ricordo che la temperatura varia sempre da forno a forno, io ho usato forno in modalità ventilato) 

Sfornate il cake e lasciatelo raffreddare prima di servire, con una spolverata di zucchero al velo e cannella.

Se volete fare come me, potete fare tante piccole porzioni, aiutandovi con un coppapasta delle dimensioni medio-piccole. 




Con questa ricetta partecipo al: Weekend Herb Blogging,
questa settimana ospitato dalla carissima Carla Emilia, del blog Un'arbanella di basilico,
amica e compagna d'avventura della rubrica regionale. 


La raccolta è  settimanale, parla di vegetali, delle loro caratteristiche e qualità e dei benefici che apportano all'organismo, si può scrivere un post di presentazione ed approfondimento oppure una ricetta di cucina.

Questo evento è iniziato nel 2005 e continua ogni settimana da allora. La fondatrice è Kalyn di KALYN'S KITCHEN che ha pensato di postare le foto delle sue piante prendendo spunto dall'evento settimanalesweetnicks, dove bisognava partecipare con le foto dei propri cani e gatti. Dal novembre del 2008, l'organizzatrice internazionale di questa raccolta è Haalo del blog COOK (almost) ANYTHING AT LEAST ONCE. Esiste anche una edizione italiana e l'organizzatrice è Brii del blog BRIGGISHOME e QUI potete trovare tutte le raccolte settimanali.

Vi ringrazio e vi aspetto prossimamente con una nuova ricetta che parteciperà a questa raccolta ,
e che rientra nella tradizione valdostana, a me tanto cara.
Un abbraccio,

Cinzia 

24 commenti:

  1. ma sai che non pensavo si potessero usare per fare un cheesecake?? anche io, da profana, le ho mangiate lesse... e mi piacciono molto....devo provarle con la cannella!
    un abbraccio
    Clelia

    RispondiElimina
  2. GRAZIE Cinzia, è una ricetta nuova e interessante, diversa dalle altre, sei stata bravissima! Aspetto anche l'altra e ti abbraccio forte forte, bacioni a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Carla Emilia, a prestissimo con prossima ricetta :-)

      Elimina
  3. Un caro saluto soprassiedo al dolce non tollero le patate dolci. Buona serata.

    RispondiElimina
  4. mamma mia che delizia, non avrei mai immaginato che si potessero preparare ricettine così buone con le patate dolci, noi le usiamo come pianta ornamentale e basta....

    RispondiElimina
  5. mamma mia che delizia, non avrei mai immaginato che si potessero preparare ricettine così buone con le patate dolci, noi le usiamo come pianta ornamentale e basta....

    RispondiElimina
  6. mamma mia che delizia, non avrei mai immaginato che si potessero preparare ricettine così buone con le patate dolci, noi le usiamo come pianta ornamentale e basta....

    RispondiElimina
  7. ma che bello questo dolce e poi una presentazione da vera professionista...benvenuta al whb, un bacione grande!

    RispondiElimina
  8. Oh Cinzia!!! ^_^
    Lo sapevo!!! Lo sapevo che potevo contare su di te!!! ^_^
    Sei Miticaaaaa!!!!....
    Tutto potevo immaginare, tranne che avresti presentato una ricetta così strepitosa con le patate dolci!!!
    GRAZIE!!!
    ....e con questa ricetta... Bolilla ai fornelli!!! ^_^ Hihihihihi....
    Bacioni
    Vale ;)

    RispondiElimina
  9. Amica mia, i miei complimenti! <3 Lo sai che non ho mai usato le patate dolci per fare.. dolci? Sei straordinaria, una ricetta da provare! <3 TVTTTB!

    RispondiElimina
  10. ciaoo non ho mai mangiato le patate americane...ma vedere in foto il tuo dolce mette u acquolina in bocca!!!bacioni

    RispondiElimina
  11. Una proposta veramente innovativa. Mi piace davvero il modo in cui hai saputo interpretare queste patate. Complimenti cara!!

    RispondiElimina
  12. Mamma mia Cinzia che bontà ! Anche io mi sono sempre chiesta cosa ci si fa con le patate dolci non le ho mai assaggiate e questa ricetta è una vera e propria rivelazione! Ora quando le troverò al supermercato posso anche comprarle! Un bacione!

    RispondiElimina
  13. Mamma mia Cinzia che bontà ! Anche io mi sono sempre chiesta cosa ci si fa con le patate dolci non le ho mai assaggiate e questa ricetta è una vera e propria rivelazione! Ora quando le troverò al supermercato posso anche comprarle! Un bacione!

    RispondiElimina
  14. trovo fantastica l'idea delle patate dolci

    RispondiElimina
  15. Un tortino delizioso da vedere e da pappare, complimenti!!

    RispondiElimina
  16. Cara Cinzia anche questa torta è una vera e propria tentazione!
    E sembra così soffice e gustosa...
    Un baciotto Susanna

    RispondiElimina
  17. cavoli cinzia che ideonaaaaaaaa!!io la cheese cake non la mangio proprio per il formaggio!!!!GRANDE! allora a quando il caffè?!ci sentiamo presto!

    RispondiElimina
  18. Sai che nn ho mai pensato di fare un dolce con le patate Americane! che bella idea!! Brava Cinzia ;-)!!!
    Buona notte!
    Elisa

    RispondiElimina
  19. Non ho mai provato le patate americane, ma questa tua ricetta sembra davvero gustosa! Devo rimediare! Buona giornata :)

    RispondiElimina
  20. Non le ho mai mangiate a dire la verità,ma riesco ad immaginarne il sapore e devo dire che tua ricettina sa sfruttarlo al meglio,è deliziosa!Sempre bravissima Cinzia,un abbraccione cara e benritrovata!

    RispondiElimina
  21. Ciao Cinzia, grazie dei complimenti, un bacione a presto

    RispondiElimina
  22. Non le conosco ma sono sicura che hanno sortito un gran risultato! Complimenti Cinzia :-)

    RispondiElimina

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..