giovedì 4 ottobre 2012

Brodo di Giuggiole.. Il Liquore


"Le regole della felicità:
fà qualcosa,
ama qualcuno,
spera in qualcosa."
-IMMANUEL KANT-

E' proprio vero che i colori dell'autunno sono meravigliosi. La natura ci stupisce sempre e in ottobre questo spettacolo a cielo aperto è ancora più suggestivo. Oggi vi propongo una ricetta piuttosto insolita, anche se spesso nominata.
 Il "brodo di giuggiole", è in realtà un liquore, che si può fare con questi frutti appunto, simili a delle pere molto piccole. In giardino ne ho ben tre esemplari. E' una pianta che troviamo soprattutto nella zona del Veneto, e che, a quanto pare sta lentamente scomparendo. Può raggiungere i  sette metri d'altezza e i suoi frutti arrivano in giugno.. Da me hanno raggiunto la maturazione completa solo adesso, probabilmente per le troppe piogge estive.
Preparo questo liquore in attesa delle feste natalizie per proporre ai miei ospiti un fine pasto insolito e dal sapore piuttosto dolce. 



Ingredienti per liquore di giuggiole:
200 gr di giuggiole ben lavate e mature
mezzo litro di alcool 95°
la scorza di mezzo limone non trattato
la scorza di mezza arancia non trattata
600 ml di acqua naturale
350 gr di zucchero
Lavare bene i frutti, lasciandoli interi oppure tagliandoli a pezzetti. Metterli in un capiente vaso a chiusura ermetica, poi aggiungere le scorze di limone e arancia, facendo attenzione di non tagliare la parte bianca che renderebbe amaro il nostro liquore. Aggiungete l'alcool e lasciate macerare per una ventina di giorni, approfittando delle giornate soleggiate per esporre il vaso in pieno sole. Trascorso questo tempo, preparare lo sciroppo, con acqua e zucchero. Fate scaldare l'acqua con lo zucchero, fino a che non sarà completamente sciolto, quindi togliete dal fuoco e lasciate raffreddare. Quando sarà a tiepido, unite le giuggiole e l'alcool e poi lasciate macerare ancora una notte. Il giorno seguente: filtrate, imbottigliate e riponete le bottiglie in luogo fresco e possibilmente al buio per qualche mese. 



18 commenti:

  1. Dev'essere fantastico se per spiegare quando una cosa ti emoziona tantissimo si dice andare in brodo di giuggiole...io non le avevo davvero mai viste, ma siccome sono curiosissima spero che tu me lo farai assaggiare...un bacio grande Faby
    PS Foto grandiose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto volentieri Faby!! Grazie infinite!!!! un bacione:-)

      Elimina
    2. Cinzia, mi domando come fai a trovare le arance naturali nel mese di settembre.

      Elimina
    3. Cerco sempre di acquistare frutta e verdura possibilmente non trattata. Guardi la provenienza e scegli quelle non trattate opache, di solito con la foglia, i prezzi sono leggermente più alti ma visto l'uso si può fare:-)

      Elimina
  2. Deve essere veramente delizioso questo liquore, amica mia. Un sapore che avvolge, che rende felici.. aggiungerei questo alla ricetta di Kant. :) E anche 'abbracciare forte Cinzia'. Ecco, così forse sarei proprio felice :) Sei troppo brava, hai racchiuso in un liquore la poesia. Come sempre scappo da te, ho voglia di assaggiarlo immensamente!! :D Un bacio, stella vera! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetto Ely!!! Ti mando un grande bacio e grazie per esserci:-)! Hai ragione, condivido il tuo pensiero su Kant:-) ti auguro un buon pomeriggio, anche se il tempo è un pò noioso ahimè..

      Elimina
  3. Che buono.... immagino sia delizioso, non l'ho mai provato ma mi ispira tanto! :D Bravissima, e poi la frase di Kant è stupenda... :) Un abbraccio e complimenti, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina!!! Un abbraccio forte e buona giornata anche a te:-)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie infinite:-) buon pomeriggio:-) un abbraccio

      Elimina
  5. Ciao carissima Cinzia, grazie per gli auguri e grazie anche per altre due ragione: ho finalmente visto le giuggiole delle quali avevo sentito parlare e soprattutto grazie per la ricetta dei waffels che mi ha riportato a Bruxelles! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te d essere passata Carla Emilia:-) e sono felice di averti riportato per qualche istante alle tue vacanze:-) un abbraccio

      Elimina
  6. Ma daiiiii!!! Le ho sempre sentite nominare ma mai viste!!!! Splendida questa ricetta, peccato non trovarle qui!!!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie d essere passata Ely!! un abbraccio e buona serata:-)

      Elimina
  7. Cinziaaaaaaa....le foto....fantastiche, davvero da rivista!
    le giuggiole le conoscevo...ma non sapevo si potesse fare un liquorino, che delizia, questa ricetta la passo al maritino, è lui l'addetto ai liquori!
    e l'autunno...verissimo ci offre dei colori stupendi!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Dona!!! Ti dirò io non bevo nulla di alcolico ma mi.piace molto far liquori:-)! Un abbraccio e notte:-)

      Elimina
  8. Ma incredibile Cinzia! Non avevo mai visto dal vivo questo frutto! Mi piace mi piace moltissimo....sentì se passò dalle tue parti per capodanno (di solito sono sempre su in valle) me ne offrì un assaggino?? Sono troppo curiosa! Bacio e buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo Michela!! passa, mi farebbe immensamente piacere e così vediamo come è uscito questo liquorino:-) io adoro fare i liquorini:-) poi non li asaggio nemmeno, ma ai miei ospiti mi piace offrire ciò che faccio:-) un bacione

      Elimina

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..