lunedì 3 settembre 2012

Cucina valdostana: Ebòlabò, liquore di achillea moscata

ebòlabò liquore di achillea moscata
Ebòlabò liquore di achillea moscata, come si presenta dopo 2 anni e più di invecchiamento 
Eccomi a presentarvi da oggi anche le ricette tipiche della Valle d'Aosta!
Questa piccola e splendida regione che ha una cucina tradizionale basata sui prodotti agricoli locali.
Dai formaggi, ai salumi, alle carni salate, ai cereali quali: segale, orzo, frumento di montagna, mais e naturalmente i prodotti dell'orto. 
Nonostante le necessità del passato di nutrirsi esclusivamente con quanto offriva la terra, la cucina regionale valdostana ci ha tramandato piatti locali davvero ottimi e gustosi, accompagnati da buon vino e da rinomati liquori. Spero di soddisfare il vostro interesse e il vostro palato con le ricette che vi proporrò. Si comincia con i LIQUORI!!
La ricetta valdostana che vi scrivo è tipica dell'Alta Valle del Lys, ovvero di tutti quei paesi ai piedi del Monte Rosa, punto di riferimento di tutti gli abitanti del luogo. A questo liquore è legata un'antica leggenda, la cui origine si perde nella notte dei tempi. Si narra che i Salassi, antichi abitanti dell'alta Valle d'Aosta, facessero grande uso di una pozione "magica" che infondeva coraggio e grande forza. Grazie a questa pozione, riuscirono a resistere per decenni all'invasione dei potenti eserciti romani. 
I Salassi usavano bere questa magica bevanda soprattutto prima di affrontare prove che richiedevano energia e coraggio, quali: guerre, caccia e amore... 
Nei secoli successivi questa bevanda venne chiamata Ebòlabò (si legge ebolebo) proprio dagli abitanti dell'alta Valle del Lys. Liquore a base di achillea moscata dalle caratteristiche proprietà toniche e digestive, dal sapore dolce ma intenso. 

Occorrente per Likor Ebòlabò:

una cinquantina di piantine di achillea moscata fiore e un piccolo pezzetto di gambo ma senza radici
(come vedete nella foto sotto)
1 litro di alcool a 95°
mezzo litro di acqua naturale 
400 gr di zucchero 

ebòlabò valdostano liquore tipico

  1. Per fare questo liquore si mettono a macerare una cinquantina di piantine di achillea moscata con fiore e gambo (senza radici!) in un litro di alcool a 95° per un mese. Avendo cura di agitare di tanto in tanto. 
  2. Trascorso questo tempo, si fa bollire mezzo litro di acqua e tolta dal fuoco bollente, vi si fanno sciogliere 400 gr di zucchero mescolando. 
  3. Quando lo sciroppo di acqua e zucchero, sarà tiepido, lo si aggiunge alle piantine che sono a macerare nell'alcool e si lascia riposare il tutto per 5/6 ore. 
  4. Passato questo tempo, si filtra il liquore e lo si lascia imbottigliato a riposare, in un luogo fresco e buio, per almeno un mese. Perché il liquore dovrà ritornare limpido per essere gustato. Come vedete sopra, il mio Ebòlabò ormai ha quasi 3 anni e man mano che il tempo passa il colore diventa più chiaro, ma il gusto è sempre ottimo. 
  • Il liquore "Ebo Lebo" che trovate in commercio nei negozi valdostani, solitamente delle Distillerie Ottoz, è un amaro digestivo di colore marrone scuro, dal gusto intenso che è definito come "amaro d'erbe". Altra cosa è questo liquore di cui vi lascio ricetta, tipica di Gressoney e Issime, dal colore verde chiarissimo come vedete in foto, e dal sapore dolce ma che resta comunque un ottimo digestivo.  Se volete un sapore più intenso e meno dolciastro, usate solo 300 gr di zucchero per lo sciroppo. 
  • Per digerire potete gustare un goccio di Ebòlabò a temperatura ambiente, oppure facendolo scaldare un poco. 


Un abbraccio, Cinzia  




42 commenti:

  1. Ciao,benvenuta nel gruppo, bellissimo post, siamo contente di poter conoscere la tua bellissima regione, non conoscevo questi liquore, molto interessante, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie per la calorosa accoglienza;-)!!! Un abbraccio

      Elimina
  2. Benvenuta Cinzia nel gruppo!!!!!!!!!!!!!
    è un piacere trovarti con noi in questo primo giorno di rubrica!
    Sarà divertente e bellissimo
    Intanto per festeggiare egregiamente.... un bicchiere del tuo liquore magico
    e un grande abbraccio
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Renata!!! Buona settimana anche a te e un brindisi all inizio della mia avventura con tutte voi:-)!

      Elimina
  3. Benvenuta!Che bella ricetta,e che storia!Complimenti per il post e per la ricetta..ciaoo

    RispondiElimina
  4. Benvenuta Cinzia e sono felice di conoscere te e la tua bella regione! immagino già quanto ci delizierai con le tue ricette!
    e allora brindiamo con questo tuo liquorino magico...davero particolare...e interessante la sua storia!!!
    un bacione grande e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è un piacere anche per me conoscerti e poter far parte di questo splendido gruppo con ricette regionali;-) un abbraccio Cinzia

      Elimina
  5. mi fa piacere leggerti anche perchè adoro la cucina della valle d'aosta e continuerò a leggerti, mi piace il tuo blog. se ti va passa anche da me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena! Passerò certamente a trovarti;-) un abbraccio Cinzia

      Elimina
  6. Benvenuta Cinzia!! Bellissimo inizio, ero davvero curiosissima, nonostante ogni tanto capiti nella tua bellissima regione, non conoscevo questo liquore. Grazie mille per la ricetta e le interessantissime informazioni. Buon lunedì e a presto, Babi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara!!! Per avermi dato quest opportunità;-)! E per la splendida accoglienza;-), un abbraccio e buon lunedì anche a te

      Elimina
  7. Cinzia!!!! benvenuta, una partenza strepitosa la tua! Questo liquore, la sua storia e la tua spiegazione perfetta mi entusiasmano. Poi sai che ho un debole per la Valle d'Aosta...

    ps. Bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non fosse stato per te non avrei potuto far parte di questa splendida rubrica... Grazie mille per la tua disponibilità e la tua gentilezza, un abbraccio Cinzia

      Elimina
    2. Figurati....sono solo felice!!! un abbraccione a te!

      Elimina
  8. Benvenuta nel nostro gruppo cara Cinzia!!
    Hai presentato una ricetta davvero deliziosa, il bel verde del tuo liquore mi piace tantissimo e poi la spiegazione è perfetta!
    ancora complimenti!!!
    bacioniii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!! Per tutto;-) un abbraccio Cinzia

      Elimina
  9. Ciao Cinzia!!! Ti do nuovamente il benvenuto a bordo di questo pulman un po' pazzerello che girella per l'Italia in cerca di prelibatezze.
    Questo liquore ha un colorino davvero bello, deve essere anche squisito!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Ilaria;-) è un piacere essere a bordo di questa splendida carrozza!..

      Elimina
  10. Complimenti Cinzia cara!!!!!Benarrivata fra noi!!!E' un piacere trovarti!!!Sei entrata alla grande con questo liquore che non conoscevo e mi stuzzica da matti!!!!!Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Yrma!!! È un piacere essere tra voi!! Anche il tuo liquore alle fragoline di bosco mi stuzzica parecchio!! Un abbraccio Cinzia

      Elimina
  11. Una entrée alla grande Cinzia! Belle la storia, la ricetta, la tradizione e le fotografie!! Complimenti e benvenuta tra noi! Un ottimo acquisto, direi!!!

    RispondiElimina
  12. Ma grazie!! Sono felice di far parte della rubrica, grazie di cuore:-)! Un abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
  13. Bravissima Cinzia sei partita alla grande...bellissimo post...mi aspetto grandi cose da te...un abbraccio grande Faby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre un tesoro Faby!!! Grazie infinite... Un abbraccio forte

      Elimina
  14. Benvenuta nel gruppo cara Cinzia. Siamo sicure che con le tue ricette darai un grande contrubuto alla nostra raccolta!
    Complimenti per il tuo liquore home made!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie infinite... È davvero un piacere essere tra voi, complimenti per le tue grappe aromatizzato e il dolce la bussola' , un abbraccio Cinzia

      Elimina
  15. carissima Cinzia ancora un grande benvenuto tra noi!!! strepitoso il tuo liquore di achillea...il colore è stupendo!
    un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
  16. Per prima cosa benvenuta!!! Questo liquorino non lo conoscevo ma sono stata in Valle d'aosta solamente una volta l'anno scorso durante un'escursione (io mi trovavo in malga ad andrate, ho intenzione di tornare in valle d'aosta per onoscerla meglio e questa prelibatezza non me la farò sfuggire. Un abbraccio e spero che con noi ti troverai benissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ancora per la vostra calorosa accoglienza;-)! Mi raccomando se vieni in Valle fatti offrire un buon ebolabo di produzione artigianale, perché l altro è amarissimo;-)! Un abbraccio e grazie ancora...

      Elimina
  17. In questa puntaa ho trovato tutti i liquori che il mio papà faceva, ora è paralizzato e non riesc più a farli ma con le vostre ricette glieli preparerò io. Anche il liqure di achillea faceva, era molto forte ma dopo un pranzo o una cena abbondante era assolutamente da bere grazie!

    RispondiElimina
  18. Grazie Ely, ci sono tante ricette e tutte ottime;-), il tuo papà sarà certamente felice se prepari qualche buon liquore, un saluto

    RispondiElimina
  19. Benvenuta tra noi, Cinzia e complimenti sei partita con il botto...ci hai presentato una bellissima ricetta e raccontato delle tue valli incantate, come mi piacerebbe abitare in montagna....
    un bacione e ancora complimenti!!!

    RispondiElimina
  20. Grazie Elena!! La montagna è bellissima, ma ti assicuro che a volte mette un pò di malinconia, ma adesso pensiamo solo alle cose buone;-), sono contenta sia piaciuta la mia prima ricetta e spero di non deludervi con le prossime naturalmente;-)! Grazie mille ancora È ti auguro una serena notte;-)

    RispondiElimina
  21. Dolcissima Cinzia.. eccomi di ritorno! Sono distrutta ma non potevo mancare: che poesia questo liquore. Ha il profumo e l'aroma del cuore! Chiuderò gli occhi sentendone il sapore e immaginando di essere lì... complimenti sinceri e una serena notte, stella. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Ely! Mi raccomando cerca di riprendere le forze;-)! Grazie infinite per il tuo pensiero, ti auguro una serena giornata, qui ahimè diluvia... Beata estate;-), un abbraccio

      Elimina
  22. Cara Cinzia mi fa piacere che tu abbia aderito a questa iniziativa. Complimenti per la scelta del liquore che ha il sapore delle cose "vere" e tradizionali. Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  23. Grazie mille, essere tra voi è un piacere;-) un saluto Cinzia

    RispondiElimina
  24. Complimenti per questa ricetta così particolare! ...Approfitto per farti i miei complimenti anche per la deliziosa( a dir poco!) bavarese del post precedente, una vera golosità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille... Sono davvero.contenta di aver ricevuto tanti.bei commenti, grazie di cuore ;-) hai ragione sulla bavarese, semplice e molto golosa:-)!

      Elimina
  25. Prontissima a prendere nota di tutte le delizie che proporrai!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Sarà un.piacere ricambiare visto le tue leccornie!!!

      Elimina

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..