lunedì 28 gennaio 2013

Cucina valdostana: Rotolini di cavolo



Oggi si parte con la nostra tanto amata rubrica regionale!
"L'ITALIA NEL PIATTO" che vi rinnova l'appuntamento il 20 di ogni mese!
 Indipendentemente dal giorno, dovrete ricordare solo la data.
Ma sono certa che la ricorderete facilmente, perchè pubblicheremo sempre il 20, come 20 sono le regioni d'Italia. Abbiamo inoltre cambiato l'orario di uscita, pubblicheremo alle ore 10,00 del mattino. 
Ci sono parecchie novità e nuovi blog che fanno parte del gruppo regionale.
Colgo l'occasione per dare loro, il mio benvenuto ufficiale:
Carla, che rappresenterà la Lombardia
Elena, che rappresenterà il Veneto,
Filomena, che rappresenterà la Calabria.

E per voi, cari amici che ci seguite, c'è una sorpresa..
da qualche giorno ci potete seguire anche su facebook!
https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto

Adesso, bando alle ciance, partiamo con il nostro viaggio tra i sapori regionali, 
che oggi ci porta alla scoperta delle VERDURE dall'antipasto al dolce..

 Crude o cotte, le verdure sono un elemento indispensabile sulle nostre tavole, sia per il loro potere vitaminico, sia perché sono necessarie per accompagnare i cibi. I principali ortaggi della tradizione valdostana, già ampiamente riscontrabili nel Medio Evo, erano rappresentati da cavoli, porri, cipolle, rape e aglio. La ricetta che vi propongo oggi, utilizza i cavoli appunto, cibo che ha sempre rappresentato per la gente di montagna una gran fonte di sostentamento, soprattutto per chi era molto lontano dalle pianure e viveva tra le cime più alte. Contrariamente a ciò che si può pensare, non era l'inverno il periodo più difficile per le popolazioni valdostane e montane in genere, ma era la primavera, perché, le riserve alimentari venivano a mancare proprio dopo l'autunno e l'inverno. Infatti in primavera, si faceva ricorso ai prodotti selvatici che offriva la natura, tra i prati in fiore. Passiamo ora alla gustosa ricetta valdostana:




Qualche foglia di cavolo
200 gr di prosciutto cotto a fette
150 gr di fontina valdostana (oppure formaggio gustoso) a fette
mezza cipolla (FACOLTATIVA)
200 gr di besciamella
30 gr di parmigiano grattugiato
30 gr di burro
sale e pepe

Per la teglia: burro 

Lessate le fogli di cavolo per qualche minuto in acqua salata e fatele raffreddare in acqua fredda.

 Adagiatele su un canovaccio (che non abbia odore di ammorbidente o detersivo)

 Mettete su ciascuna foglia di cavolo 2 fette di prosciutto, 2 fette di fontina  e la cipolla stufata. Arrotolatele, formando dei rotolini.

 Metteteli poi in una pirofila, imburrata, coprite con la besciamella, il parmigiano e il burro a fiocchi e infornate in forno già caldo a 180° per 20-25 minuti, fino a che non saranno gratinati.

 Servite caldi. 


Ed ecco l'elenco dei blog partecipanti, con le loro ricette regionali sulle verdure. Vi invito a fare un giro nei piatti d'Italia, e vi rinnovo l'appuntamento per il 20 febbraio
dalle ore 10,00. 
Un abbraccio,
Cinzia 




18 commenti:

  1. Rinnovo anche qui i miei complimenti per questo piatto super invitante :D Un abbraccio :**

    RispondiElimina
  2. che godurioso questo piatto!bravissima.bacione

    RispondiElimina
  3. Come mi piace quest' appuntamento con le ricette regionali:) e questi involtini di cavolo sono golosissimi!!!! Un bacione Cinzia e buon lunedì!

    RispondiElimina
  4. Che cavolo hai usato? Veramente belle e goduriose!

    RispondiElimina
  5. Great post. Nice atmosphere on your blog. I like it here. ;]
    Feel free to visit my blog. New images.
    If you like my picture like me on the fan page: https://www.facebook.com/pages/In-another-light/413836138693856
    I will be extremely grateful.

    Have a nice day. Yours. ;)

    RispondiElimina
  6. Cinzia, ma sai che sono ancora emozionata per questa nostra nuova avventura???

    Ti ringrazio per aver voluto fortemente che proseguissimo insieme , grazie grazie GRAZIE!!!

    Ricetta che ha tutti i profumi e i sapori della tua terra e che mangerei volentieri in uno chalet davanti ad un fuoco scoppiettante!!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ciao tesoro...bellissima la nuova rubrica e stupenda la tua ricetta un bacione Faby

    RispondiElimina
  8. Ciao bella ragazza! Grazie Cinzia, il tuo impegno ci ha fatto ripartire e ne sono felicissima, cercherò anche di fare meglio, ma in questo week end avevo ospiti ed è stato complicato fare il post. Mi godo il tuo piattino e ti abbraccio forte, bacione

    RispondiElimina
  9. ma lo sai che le tue ricette mi piacciono proprio!!!anche se sono del sud adoro questo tipo di ricette,la provero' sicuramente e complimenti per questa nuova avventura...baci :*

    RispondiElimina
  10. uffi peccato che non mangio il formaggio se no....mmm...a vederlo così mi ispira mooooolto!!!
    brava cinzia!ottima ricetta!

    RispondiElimina
  11. mi piace molto questa ricetta, la devo provare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho trovato la tua mail...volevo chiederti, visto che hai aperto un nuovo blog su giallo zafferano...se sono compatibili i due blog su piattaforme diverse e con le stesse ricette..ero partita anche io poi mi sono bloccata per timore...
      grazie!

      Elimina
  12. Oh se ci sarò all'appuntamento! Che buona ricetta ci hai offerto, davvero gustosa Cinzia!
    Ciao Susanna

    RispondiElimina
  13. Che buoni!!! Veramente squisiti!

    RispondiElimina
  14. Oh mamma che buoni questi rotolini, gustosi e belli conditi!!!!! E quante belle ricette ora vado a vedere! Un bacione

    RispondiElimina
  15. Grazie a tutti per essere passati.. è un piacere leggere i vostri commenti, grazie di cuore :-)

    RispondiElimina
  16. un modo ghiotto per utilizzare il cavolo :-)

    RispondiElimina
  17. Divento sempre nostalgico quando vedo le ricette per i rotolini di cavolo. Si mangiano spesso a Nàpule -- in maniera diversa, ovviamente, ma lo stesso concetto. Le foglie si riempiono con manzo macinato e riso già cotti, poi i rotolini si soffriggono in padella con EVO. Con un pochissimo di salsa di pomodoro 'ncopp' -- Mamma mia, che splendore! Allora i siculoamericani della mia famiglia facevano qualcosa simile con i peperoni -- con gli stessi due farciture (manzo e riso), con sugo sopra, ma cotti nel forno. Gli americani usano sempre i peperoni verdi, che secondo me sono schifosi. Sono amari come il diavolo. Ma quei rossi -- Mamma mia, che bellezza! Si può morir. Mia mamma li ha fatti proprio il weekend scorso.

    RispondiElimina

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..