martedì 17 dicembre 2013

Gaufres con robiola e semi di papavero

Era da tempo che avevo preparato questi gaufres, ed ora, complice il mio viaggio in Francia e in Germania, per un weekend lungo trascorso tra parco divertimenti (Europa Park) e mercatini di Natale (Colmar), non potevo non lasciarvi questa deliziosa ricetta. Ho riassaporato i gaufres in Germania, con tanta crema chantilly, ma questi che vi propongo sono diversi e particolari. 

Queste cialde, che possono essere dolci o salate, sono tipiche della cucina belga, ma sono diffuse un pò ovunque: in Germania, nei Paesi Bassi, in Francia dove sono più conosciute con il nome di "goufre", e in America dove si mangiano generalmente con sciroppo d'acero. Infatti si prestano a guarnizioni di ogni tipo, un pò come le crèpes, quindi con marmellata, cioccolata, gelato, panna, Gran Marnier e molto altro ancora. Queste che vi propongo sono dolci ma non troppo e semplicemente spolverizzate con zucchero.

Ricetta liberamente tratta e modificata dal libro Gaufres sucrées & salées di Nathalie Helal 



Ingredienti per gaufres/waffels con robiola e semi di papavero:

300 gr di farina bianca 00
70 gr di zucchero
150 gr di burro
4 uova
200 gr di formaggio tipo robiola (io robiola Osella)
la scorza di un limone non trattato
1 cucchiaio di semi di papavero
mezza bustina di lievito in polvere per dolci
un pizzico di sale

zucchero a velo per finire 



  1. Fate sciogliere il burro a bagnomaria o nel microonde e tenete da parte.
  2. Lavate il limone, grattugiate la scorza e mettetela in una ciotola piuttosto grande.
  3. Aggiungete la farina, lo zucchero, il lievito e un pizzico di sale. Incorporate le uova e frullate bene il tutto. Potete servirvi del robot da cucina, della planetaria, oppure di un semplice frullino elettrico che vi permetterà di amalgamare bene tutti gli ingredienti.
  4. Aggiungete poi la robiola sempre frullando il tutto, poi i semi di papavero ed infine il burro sciolto.
  5. Dovrete ottenere un composto liscio, morbido e senza grumi.
  6. Tenete da parte per un'ora a temperatura ambiente.
  7. Trascorso questo tempo, fate scaldare la cialdiera e iniziate a preparare i gaufres. Io ne ho fatti parecchi e di piccole dimensioni, per creare un finger food goloso da mettere in tavola. 
  8. Infine spolverate con zucchero a velo. 
  • La ricetta originale, prevede la ricotta, quindi se non volete usare la robiola, potete optare per la ricotta. 


Se volete la classica ricetta per i waffel dolci, guardate qui.
Perdonate la mia latitanza totale di questi giorni ma
come ho scritto sopra, non ero a casa.
Bisognerebbe prendersi più spesso alcuni giorni di vacanza.
Fanno sempre bene.
Vi abbraccio e vi aspetto domani con una nuova ricetta.
Cinzia 

8 commenti:

  1. Buono e bella presentazione bravissima.Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Mipiacciono tantissimo!!!!!! io non li ho mai fatti... buona giornata cara.. smack

    RispondiElimina
  3. sono magnifiche, veramente brava

    RispondiElimina
  4. Li adoro. Li adoro. Li adoro. Ecco ^_^

    RispondiElimina
  5. Mamma quanto devono essere buone!!!
    Bravissima Cinzia, davvero una splendida idea!!
    Un bacione e buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  6. Fantastici li devo provare!!
    Bacetto e buona serata :-)!

    RispondiElimina
  7. buoni, buoni, buoni! bravissima!

    RispondiElimina
  8. Negli anni credo di aver comprato almeno 4/5 macchinette per gaufre e gaufrettes....non si sa mai mi mancasse la misura giusta;)))
    Non ho ancora incontrato una persona, famigliare, cliente od amico che sia che non abbia risposto con entusiasmo di fronte alla semplicissima( e sempre efficace) proposta!!!
    Le versioni salate mi sono utilissime per i buffet, sempre più richiesti...non solo di questi tempi:))
    Mi è piaciuta molto anche la ricetta del risotto al mandarino, un sapore elegante che io utilizzo parecchio sia nei piatti di terra, ad esempio scaloppine, che nei piatti di mare, i rolls di sogliola al mandarino sono "commoventi"!!

    Un abbraccio ligure e mille auguri!!!

    RispondiElimina

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..